PAESE E DINTORNI                    Nomi,cognomi e... Soprannomi                  

Curiosando qua e là in archivio...
    dal registro delle Anime, anno 1942

Vi sarà certamente capitato di osservare sui manifesti dei funerali come, talvolta, accanto al nome del defunto sia indicato tra parentesi un soprannome del medesimo.

Nelle intenzioni dei familiari vuole essere un identificativo migliore a ricordare l’identità del proprio congiunto in modo da renderlo più palese col soprannome maggiormente conosciuto nell’ambito della propria comunità.

Questa abitudine, lungi dall’essere in qualche misura lesiva della personalità di ciascuno, aveva il solo scopo di distinguere tra le numerose famiglie portanti il medesimo cognome, i singoli appartenenti.
 
Nel nostro paese, è noto come la presenza simultanea di famiglie con il medesimo cognome, senza magari alcun grado di parentela, sia abbastanza frequente; e la distinzione dei medesimi è sempre stata difficoltosa al punto che già nel 1650 sui registri d’ anagrafe della parrocchia, troviamo elencati i diversi rami delle famiglie più note.

Il caso emblematico delle famiglie Bertoli e Vavassori (vedi nota a latere)

Il Parroco pro tempore volle cominciare a distinguerne le radici partendo dai tre figli di un Vavassori …. Abele, Filippo e Francesco (Manarino) che hanno originato i discendenti distinti in Abeii , Felèp, e Manarì.


Da quel momento sono sempre stati registrati sui libri dei battesimi, delle cresime, dei matrimoni, fin anche su quello dei defunti con il rispettivo soprannome che dura tuttora.
Analogo discorso vale per le altre famiglie Bertoli, Belotti, Brevi, Milesi e via discorrendo…

Nell’intenzione di chi scrive si voleva esaurire l’argomento con due o tre pagine del notiziario.
Tuttavia, col diffondersi di tale iniziativa, sono giunte in redazione tante e tante notizie che sarà opportuno pubblicare l’intero progetto editoriale in più puntate sui prossimi numeri.
Iniziamo quindi con le Famiglie Vavassori e Bertoli: le più numerose.


Soprannomi delle famiglie di Telgate
VAVASSORI

di Abèii: discendenti da Abele - löc di Abèii

Bachétt: detto anche  "Mosca Bachett"

Barba: Gestore della tabaccheria in via Arici
             (vedi S. Domenico)

Calepì: residenti in via S. Rocco - löc di Calepì

Ciuchì: Emigrati a Cusano Milanino

Felèp: discendenti da Filippo - löc di Felèp

Fragelada: ramo di suddivisione ulteriore della
                    famiglia Vavassori

Frèer: ramo della famiglia Vavassori di
           professione fabbri e maniscalchi

Sandrècc: ramo di suddivisione ulteriore della
                 famiglia Vavassori

Molana: ramo di suddivisione ulteriore della
              famiglia Vavassori

di Mosche: ramo di suddivisione ulteriore della
                  famiglia Vavassori

de' Manarì: ramo della famiglia Vavassori
                  residente nella frazione di
                  Porte Manarini

del Bèlo: capimastri e muratori (via Leone XIII)

del Ros: dall'evidente colore dei capelli
BERTOLI

Baròsa: Fruttivendoli e riparatori di carri agricoli

Bisiga: residenti nella corte denominata "Vaticano"

Batistì: residenti nella corte denominata "Vaticano"

Gaza: originari della cascina "Gazza"

Gimonta: residenti nella cascina all'incrocio di via Verdi
                 löc di Gimonte

Löster: Angelì ex (sindaco) e Adriano (sacrista)
            con Giuliano (corista) sono cugini

Muschì: ramo di suddivisione ulteriore della fam. Bertoli

Minoja: (c'è solo l'indicazione del soprannome)

Papì: Emigrati a Bergamo: gestori di un'osteria in
          Borgo Palazzo "del Papa", emigrati a
          Chiuduno (Gianni e Venturino?)

de' Poegia: discendenti della famiglia Bertoli
                   löc di Poegie

Polaröl: discendenti della famiglia Bertoli - löc di Polaröi

di Raèshe: Vittorio il fondatore della "Mon Bebé"
                   löc di Raèshe

di Rocòi: Andrea (ex sindaco) suor Isidora, Bruno
                e il fratello Remigio?



Nomi e soprannomi... Attività, luoghi, siti e cortili
della società telgatese d'anteguerra

Prima ancora che qualcuno lo pensi, questo articolo non vuole ne imitare ne paragonarsi a quella mirabile opera letteraria "Antologia di Spoon River" del poeta Edgar Lee Master, che in quella tranquilla cittadina della provincia americana, fa parlare e commenta con singolari tratti d'ironia e di sottile arguzia, le epigrafi incise sulle tombe del locale cimitero.
Nemmeno rifare il verso a quella nota composizione poetica "A livella" in versi napoletani con la quale il grande Totò andò a guadagnarsi un ulteriore grosso quarto d'ora di celebrità come poeta e letterato.
Il nostro obbiettivo e molto meno nobile, ossia evitare che vada smarrito un patrimonio di reminescenza capace di andare oltre il dato anagrafico delle persone che per carattere, attività, distinzione ed antica memoria si ritrovarono collegati ad un soprannome portato anche con onore e rispettabilità.

Balìna               Marchetti     

Bariga               Gambarini

Barborècc         Pigolotti

Bardèle             Pontoglio      antichi gestori del bar San Giorgio

Bira                   Croci

Buti                   Bolis

Concimaia        Belotti Rino: Negoziante di alimentari in via Arici

Balia                 Belotti  ??

Galüpì              Belotti:   Agricoltori residenti in via Crocifisso   (löc di Galüpì)

Patàm               Belotti Rosolino:  Fattore dei Signori Ferrari ex proprietari terrieri

Barbèl              Brevi     capostipite di una famiglia di industriali telgatesi

Girell                Brevi    gestori dell’osteria in via Arici         ( löc di’ Gireii )

Murì  (i)           Brevi :   due rami significativi di agricoltori  ( i löc di Murì)  in via Roma, e via Leone

Campaner        Tensi  Beniamino  detto anche  “Begnàm”

Duce                Tensi   abitavano in via Torre (angolo con via Dante)

Bargiöl             Tensi   ??

Camòsh            Tensi   ??

Sibla                 Tensi   Abitano tuttora  in via Fossa

Messo (del)      Tensi Francesco: Indimenticato “ messo comunale” negli anni 50/60 

 

(Nota del redattore:  Il punto di domanda - ? - è apposto per carenza di notizie certe e riconosciute)

=======================================================================
Singoli soprannomi di persone che hanno segnato
l'anagrafica popolare della società di Telgate


Ciosca          Turani di gigantesca statura  fungeva da capocolonna destro  nelle processioni

Tarzan          Pigolotti di gigantesca statura  fungeva da capocolonna sinistro  nelle processioni

Mariàna        Mariani Ernesto   il factotum in chiesa… un po’ corista e un po’ catechista

Magnà           Famiglia Preti   Sacrista negli anni 50   ( löc del magnà ) all’inizio di via Arici

Calì               Bonassi  originari da Calino ( vedi articolo RicordAvi di Massimo Gafforelli)

ol’ Genio del (poer) guardia           figlio del popolare guardacaccia d’anteguerra

Geremèa          Colombi Daniele: noto stradino e seppellitore negli anni 50 del secolo scorso

Bepo Bechèr    Magri Giuseppe, titolare di una macelleria ( poi Gioielleria Consoli ) in via Arici

Mosè                Bonassi Pietro:  titolare con la moglie Orsola di un negozio di alimentari in via Arici

Scelba              Luigi Belotti: indimenticato e valente giocatore di calcio, dal forte carattere, stimato

                         e granitico sindacalista alla Falk

 

Zara  (Felice)    Indimenticato  profugo Istriano stabilitosi a Telgate dopo l’esodo dei connazionali italiani. (al 3 di maggio     

                         ritornava sempre a Telgate per la festa del S. Crocifisso)

Piero di scécc :  capostipite di una numerosa famiglia  Bertoli residente in via Cesare Battisti  

Ciciò de la Passerera         Famiglie  Rivellini

Merlì dei Rocoj

Sindèc de’ la “GerÖla”       Rivellini detto anche  “ol Tata” ?         

de Scarlèt              per tutte quelle famiglie residenti nel cascinale Casletto:  Marini - Pedrini – Croci - 

di Ostiane             Famiglie Bonetti/Marchetti residenti nella omonima cascina demolita negli anni 60

di Treàne              Famiglie Baldelli  residenti nella cascina omonima

di Venecc             Famiglie Battistello residenti nella cascina di via per Palosco

 

La ricchezza  e la trattazione di questa memoria storica si spinge a frazionare  in diverse pagine l’argomento che andrà pubblicato anche sui prossimi numeri del bollettino, nella speranza di dare seguito ad un dibattito mai trattato e che promette di essere interessante sulla storia e sul costume del paese di Telgate.  

Per continuare, abbiamo segnato su una mappa di fine 800  i cortili o le case che rimandano al nome o ai "löc" (In dialetto

bergamasco significa cortile interno o sito in cui erano abitualmente residenti le famiglie o i nominativi che abbiamo in parte elencato).


Scusateci  per gli involontari errori  o dimenticanze che siamo sempre pronti a rettificare.

===================================================================================================================================

Legenda delle residenze e delle attività nel centro storico di Telgate

(in senso antiorario)

 

 1  -     Palazzo di "Abeii"  Vavassori con annessi magazzini di materiale edile (ora Municipio)

 2  -     Palazzo dei  conti Marenzi. in seguito di Bonetti Luigi e della maestra "Murina"

 3  -     Palazzo dei Bertoncini con annessa  "cereria", ora Longaretti

 4  -     Antica osteria - gelateria del  “Bògia”    Foppa Pedretti

 5  -     Bottega della Gina de’ Batistì  (casalinghi e bombole di gas)

 6  -     Chiosco del benzinaio e ciclista “Luige” Plebani

 7  -     Bottega del sarto/barbiere “ Lerio “ Toccagni  (serturì)

 8  -     Lӧc  di “Foppe”  con bottonificio interno del “Poro”

 9  -     Osteria S. Giorgio  di “Bardèle”,  in seguito de’ Gioanì di Paris  -

10  -    Latteria-Gelateria “de la Angela di “Mosche"

11  -    Lӧc di Calvi

12 -     Mercerie  della “Buti”

13 -     Ambulatorio Medico-Ginecologo  del dott. Belotti

14 -     Lӧc  di Belometti

15 -     Lӧc  di Cochi / Erli    detto anche “Bròl”

16 -     Lӧc  di Cerea

17 -     Lӧc  di “Toni” Milesi

18 -     Falegnameria zoccoleria de “Baback”  Guglielmo Mazzola

19 -     Lӧc  di Tensi "Campaner"  diventerà poi la nuova bottega della “Polarӧla”

20 -     Lӧc  di “Bariga” Gambarini o  Giavarini?

21 -     Lӧc  di “Mafè” Famiglie Felotti

22 -     Lӧc  di “Murì”  Famiglie Brevi

23 -     Lӧc  di  Pesenti con annessa “ortaia” che curava “ Gigio Mafè”

24 -     Bottega della “Polarӧla” poi divenuta prima sede dell’orologiaio Consoli

25 -     Lӧc de’ Teresa di “Rò”

26 -     Forneria e salumeria  “Bertòlli” divenuta in seguito Cantoni

27 -     Macelleria Marsetti

28 -     Lӧc di Cottini “Bernì” e de la “Barbisa”

29 -     Osteria del "Fachinett" con due campi di bocce nel cortile interno

30 -     Lӧc di Paris con annesso macello

 Soprannomi delle famiglie di Telgate

Baback                Mazzola Ernesto: “lassèi fà de’ lur” era il suo motto preferito
Balìna                  Marchetti
Balièe                  Belotti
Bardèle                Pontoglio antichi gestori del bar San Giorgio
Bestemia              Pietro Foppa Pedretti - Titolare della ditta di manici d’ ombrello in via Stazione
Bira                      Croci - è stato anche stradino comunale negli anni 50/60
Büsì                     Sertori
Botòn                  ?? (Il paese di Telgate, al pari di Chiuduno, era un forte produttore di bottoni)
Buti                      Bolis
Cabell                  Facchinetti
Murìcastrù           Brevi
Concimaia            Belotti Rino Negoziante di alimentari in via Arici
Feraj                     De vecchi
Galùna                 Turani
Galüpì                  Belotti ascendenti della famiglia Belotti ( vedi Frà Defendente)
Gigiài                   Alari Il secondo vero meccanico di moto e di auto del paese
Macedonia           Fratus abitavano nello stretto vicolo laterale di via Cesare Battisti
Mafè                    Felotti
Manetì                 Ruggeri
Maniglia ??
Marù                    Rivellini
Merlì ??               risiedeva nella cascina Roccoli
Michere (di)         ?? due sorelle che gestivano una cooperativa di alimentari in via Arici
Montagnì             Belometti famiglie di coltivatori diretti
Muscù                 Finazzi
Nedàl                   Bonetti
Oselì                    Sertori
Pacì                     Rivellini
Pacolöa               Colombi (Già copozona della Orobica e dell’ Enel compartimento-est)
Palanchì               Paris
Panserì                Sandrinelli
Pià (di)                Plebani discendenti della famiglia Plebani : löc di Pià
Pecì                     Bonetti
Pelègher              Valli Fruttivendolo ambulante originario di Bolgare
Stora                   Ruggeri
Simcala               Baitelli
Taèla (i)              Arici discendenti della famiglia Arici löc di Taèle
Tòni (i)                Milesi discendenti della famiglia Milesi löc di Tòni due rami significativi
Torel                   Finazzi
Türo (de’)           Alzate dal nome del capostipite Isidoro, fruttivendolo in via Leone XIII
Vènecc               Battistello discendenti della omonima famiglia residenti nella Cascina di “Venet”
Zabe                   Organisti Subentrano dal 1957/58 a Pasquale Gagni nell'attività di Forno-panetteria

Singoli soprannomi di persone che hanno segnato l’anagrafica popolare                della società di Telgate

Gioanòto               Vavassori Autotrasportatore presidente dei Bersaglieri di Telgate
Caciù                     della famiglia Vescovi: si ricorda Tino, il capostipite nei recuperi di ferro e cartone
Castrù                    della famiglia Brevi (murì) otiimo e stimato “dutur” del bestiame
Mora (de’la)          Rivellini abitavano nel löc del Vaticano in via Arici
Mundù                   Famiglie Loda
Pastì                      Famiglie Mazzola
Pipù                       Famiglie Redolfi
Cuì                        Famiglie Sangalli
Gino purtiner        era anche autista di autobus di linea, poi bidello.
Selù                       Famiglia Manenti: Falegname nello stretto vicolo di via Cesare Battisti

Persone che hanno praticato il gioco del calcio meritandosi il soprannome di noti calciatori di serie A

Eugenio Vavassori detto..... Orsi (un grande giocatore della Juventus degli anni 30)
Zambelli Adelino detto….. Sivori (un grande giocatore della Juventus degli anni 50)
Tancredi Vavassori detto… Vava (mitico giocatore del Brasile campione del mondo 1958 )
Renzo Toccagni detto…. Boni (abbreviativo di Boniperti giocatore e presidente della Juve)
Vittorio Bertoli detto…. Catozzo ( un grande giocatore dell'Atalanta)
Piero Pesenti detto…. Piedone (Manfredini un giocatore della Roma degli anni 60)
….?? detto …. Piola (un giocatore della Juventus e della Nazionale)
…. ?? detto…. Tacchi (un giocatore “del nuovo Torino Fc” degli anni 50)

La presenza di punti interrogativi -?- viene apposta per via di notizie non direttamente verificate ma comunque riferite da molte persone che hanno ritenute utile segnalarle. Si confida che ciò non svilisca l'indagine, che sta riscuotendo lusinghieri commenti per non scordare parte della nostra storia e del nostro vissuto rivolto a persone tuttora viventi e con il dovuto rispetto, verso a quelle defunte, care alla nostra memoria.

Non sarebbe completa in ogni caso la disanima anagrafica della nostra comunità se non considerassimo anche le Figure femminili che lungo i decenni hanno distinto il nostro paese. Vogliamo solo citarle e sperare che nei prossimi numeri si possa, magari, approfondire anche questo notevole aspetto della nostra comune storia.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Elisa Taitù Vavassori:               Titolare di una privativa di “Sali &Tabacchi e Chinino di Stato”
Emma di Taèle Arici :               Organizzava squadre di fanciulle per la vendemmia in collina
La Barbisa ??
Angela “Seluna”Tensi:              Citava spesso - La benedizione papale per i “surc” e per gli “orp”-
Pierina di Tòni Milesi:                La domestica di don Egidio Aristolao
Piera di Cremasch:                     La primissima curatrice della Chiesetta di San Giuliano
Bepina Pontoglio di Bardèle:     Titolare della tabaccheria/ Cartoleria anni 50/60
Maria Pontoglio del Messo:       Impiegata comunale anni 50/70
La “De Gaulle” ??                      Zia del Gino Purtiner
Cia di Gaforèi:                           Indimenticata sagrista, bigliettaia del cinema, “capa” delle scoparine
Erginia Rivellini:                        Indimenticata bidella ed assistente all’ asilo scuola materna
La Contessa Medolago Andreina
Irma Tensi
Maria Paris
Rita Paris
Anita Pigolotti
Teresa Baskulla ??
Flavia Vavassori
Maria Bertoli di Rocoj
Fratus Maria (di scarsole)
...???... E non possiamo dimenticare la domestica di don Clienze Bortolotti arciprete di Telgate 1925/1943...
e le sorelle Tullia e Rosa Foppa Pedretti...


Municipio vecchioSoprannomi delle famiglie di Telgate 

 

 

Riprendiamo a questo punto l’individuazione dei siti e cortili e alle attività artigiano-commerciali domiciliate in via Arici; all’interno della via Fossa e lungo la via Cesare Battisti.

 

A lato la fotografia della vecchia sede del Municipio di Telgate in via Arciprete Arici  (anni 40/50)

 

 

 

30- Palazzo di Casali Firmo (ex pertinenza dei nobili Marenzi inserita nel castello fortificato)

31- Forno di Gagni Pasquale e bottega-panetteria della moglie Marchetti Bruna e sorelle.

32- Bottega di alimentari di Rino Belotti “Concimaia”

33- löc di Magnà (Famiglia Preti, il padre era il sacrestano della chiesa)

34- Bar e mescita del circolo Acli; lungo i decenni si sono avvicendati diversi conduttori

35- löc de’ Ernesto Mazzola (Baback) fratello di Guglielmo

36- Macelleria di Bepo Magri (Bechèr) poi sede della Gioielleria Consoli

37- Bottega di alimentari del “Mose” e della moglie Orsola

38- löc di Poegia. Famiglie Bertoli (laboratorio della nostra Bepina)

39- Magazzino di alimentari delle Michere (drogheria e generi vari)

40- Osteria de’ Girell e löc interno delle Famiglie Brevi: (Sala e Gireii)

41- Municipio- Antica sede del comune di Telgate, poi centro Pensionati ed Associazioni

42- löc di Barborecc - Famiglie Pigolotti

43- Tabaccheria - valori bollati e giornali di Vavassori (Barba) e löc di Rugèr

44- Bottega di Frutta &Verdura de la Baròsa

45- löc del Vaticano - Famiglie Mazzola, Bertoli, Gatti.

46- löc di Vescovi (Caciù); si ricorda il capostipite Tino: avviatore del recupero di cartone, ferro e materiali vari.

47- löc di Toni (Famiglia Milesi) con rivendita interna di mangimi e attrezzi agricoli.

48- löc di Casaii (Famiglia Casali) con impianto di imbottigliamento di acque gassate.

49- löc di Zambeii (Famiglie Zambelli-Forlani) con fabbrica interna di poltrone e sedie per cinema/teatri

50- löc di Fratus (con fabbrica interna di scatole e contenitori di cartone)

51- löc de’ Stora (Famiglia Ruggeri). Davanti verrà costruito il ristorante “Al Piave”

 

Riprendendo da via Fossa verso via Cesare Battisti

54- löc di Montagnì (famiglie Belometti)

55- löc del Sibla (famiglie Tensi, vi abitava la mitica e valente infermiera Irma Tensi)

56- löc di Cerea: ora inglobato nel nuovo edificio detto “La Corte”

57- löc di Balièe (famiglie Belotti, all’interno due campi di bocce con piccola osteria

58- löc di Frèer (Famiglia Vavassori: Maniscalchi e fabbri “Carlì freer”)

59- löc del Pepa (Famiglia Erli)

60- löc di Pià (Famiglie Plebani affittuarie dei conti Marenzi o Balp?)

61- löc de’ Macedonia (Fratus) e del falegname Giacomo Manenti (Selù)

62- löc de’ Angel elettricista con negozio (poi del figlio Gigi Vavassori)

63- Insediamento industriale Cereria Bertoncini, distrutto dopo l’incendio del gennaio 1922. Usato durante l’ultima guerra come ricovero di lavoranti prigionieri e di attrezzature da parte delle forze tedesche d’occupazione.

64- löc del Faturì (famiglia Finazzi)


Ad ovest, all’incrocio di via Arici con via Passerera, sorgeva il complesso industriale della I.R.I.S di Bonomi Gianfranco, fabbricante di scale in legno & articoli similari. Anni 1954/1960.

Dirimpetto, il cascinale dei “Gimonta e dei Baròsa”: Famiglie Bertoli. Oltre questi edifici non vi sono altre costruzioni fino al confine con Bolgare.

Più lontano, abbiamo le due chiesette di San Domenico e di Santa Lucia, entrambe scomparse.

Queste due costruzioni non sono raffigurate nella mappa originale del centro abitato.

 

 

mappa


Quanti desiderassero fornire precisazioni e/o correzioni inerenti questa rubrica, sono pregati di contattare la

Redazione del Notiziario parrocchiale al seguente indirizzo e-mail:

 

redazione.bollettino@virgilio.it

 

 o scrivere sulla posta del sito parrocchiale: www.parrocchiatelgate.org

 

Riprenderemo sui prossimi numeri la disamina della parte Est e Nord del paese.

 

dal Notiziario Parrocchiale di Marzo - Aprile - Maggio - Giugno 2019